5 aprile 2012

Propaganda da Volo

Sotto il testo sulla propaganda che ho scritto tornata da un aperitivo a Trastevere (che si è concluso a mezzanotte, per farvi capire il tipo di aperitivo...) e che gli autori di Fabio Volo hanno accettato di buon grado (forse anche loro reduci da una bevuta impegnativa).
Per chi invece soffre della perversione di vedere la sottoscritta ballare il tuca tuca, può dare un'occhiata qui.
ORWELL - La guerra è pace. La libertà è schiavitù. L'ignoranza è forza.

GIULIA INNOCENZI - Sono bravissimi: sono riusciti a farci credere che comprando più roba diventiamo più felici. Invece siamo sempre più frustrati e continuiamo ad arricchire proprio quelli che ci hanno buttato dentro in questa spirale consumista senza fine. Che ci ha inaridito e reso dipendenti dalle cose inutili.

GOEBBELS - Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità.

GIULIA INNOCENZI - "Per combattere la droga bisogna proibirla", continuano a ripeterci. E mentre fanno a gara a chi fa la legge più proibizionista, le casse della criminalità organizzata s'ingrassano, e noi ci facciamo prendere in giro dai nostri politici, che predicano tutto il contrario di quello che fanno.

JFK - Non chiedete cosa possa fare il paese per voi: chiedete cosa potete fare voi per il paese.

GIULIA INNOCENZI - “La politica mi fa schifo ". E ancora: "ma tanto lo fanno tutti, che male c'e' se lo faccio anch'io?!". Pensa che la politica siamo tutti noi, e immaginati come sarebbe il mondo se quelle piccole illegalità quotidiane non ci fossero più. E che potresti essere proprio tu a cominciare.

KATE MOSS - Non c’è niente di più gustoso che sentirsi magrissime.

GIULIA INNOCENZI - Un tempo era la Venere di Botticelli, oggi invece la bella donna ha le sembianze di uno scheletro con un canotto qui e due mongolfiere qui. E se noi vogliamo essere belle dobbiamo diventare così. Ma perché continuiamo a dare retta a uomini sadici che godono nel controllare e soggiogare il nostro corpo?

CRISTO - Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.

GIULIA INNOCENZI - E quando vedi quello per strada che sorride da solo, o il tuo collega che fischietta mentre fa le fotocopie, oppure il tuo amico che ti dice che nel cambiamento ci crede e che combatte tutti i giorni perché avvenga il prima possibile, prova a pensare che il tuo cinismo non ti ha mai portato da nessuna parte, che forse hanno ragione i “poveri in spirito” e che quello che ti hanno fatto credere fino adesso sono solo cazzate.



3 commenti:

Anonimo ha detto...

"uomini sadici che godono nel controllare e soggiogare il nostro corpo" ma dai su... siamo seri. -100 punti a giulia per questa affermazione che mi ricorda la vincenzi-ipazia ;) Sergio

Sergio Frosini ha detto...

completamente in accordo col mio omonimo e probabilmente conterraneo sulla vincenzi-ipazia che si erge a paladina della laicità contro don Gallo dopo aver lisciato il generale-cardinale Bagnasco direi che abbiamo le stesse idee: mentre sul concetto degli stilisti sadici che in fondo odiano il corpo femminile siamo decisamente agli antipodi, concordo con la padrona di casa; mi preoccupa invece il di lei insano interesse
per Volo, ahimé...

Giacomo ha detto...

ahahah grandi!! però la prossima volta una bella macarena con il pubblico in sala e scatta il ballo di gruppo.. ;) anyway il cinismo a cui accennavi purtroppo lo vedo così radicato nei miei coetanei e negli stessi sguardi delle persone che ora come ora mi sembra davvero difficile pensare a un cambiamento, inserendomi poi dopo queste ultime frasi forse nella stessa cerchia di cinici di cui parlavo prima... ci vorrebbe una scossa dalle fondamenta, e sebbene i cari amici della generazione Gaber Guccini abbiano perso, in fondo, spero che dalla loro storia possa nascere lo slancio per una nuova generazione, la mia generazione, che abbia la forza di credere in qualcosa.. minchia che commento lungo va beh buon lavoro Giulia daje forte! :) Giacomo