14 settembre 2013

COMPLOTTO! COMPLOTTO!



Stupefacente l'ultimo "scoop" de Il Giornale: Silvio Berlusconi è stato fatto fuori perché era contro la moneta unica!
Peccato che il libro che svelerebbe il "nuovo complotto" sia uscito più di 4 mesi fa e il testo cui si fa riferimento dice tutt'altro!
Sotto "Morire d'austerità" di Lorenzo Bini Smaghi, ex board Bce:
La minaccia di uscire dall'euro [...] GENERA INOLTRE UN CLIMA DI SFIDUCIA PRESSO GLI ALTRI PAESI EUROPEI, CHE NON E' PROPIZIO ALLA CONCESSIONE DI AIUTI, come hanno potuto verificare i governi italiano e greco nell'autunno del 2011. Non è un caso che le dimissioni [...] del presidente del Consiglio italiano Berlusconi siano avvenute dopo che L'IPOTESI DI USCITA DALL'EURO ERA STATA VENTILATA IN COLLOQUI PRIVATI CON I GOVERNI DEGLI ALTRI PAESI DELL'EURO.
Macché complotto! Bini Smaghi è chiaro: i paesi europei, davanti all'ipotesi del governo italiano di uscire dall'euro, avevano chiuso i rubinetti nel mezzo della tempesta finanziaria. Normale: chi vorrebbe erogare un credito davanti all'ipotesi di vederlo tornare in altra valuta non meglio identificata? Così la tensione sui mercati era troppo alta, lo spread alle stelle, e Berlusconi, dopo gli scandali del bunga bunga, i vari processi in corso e con Tremonti Ministro dell'economia con il quale neanche si parlava, è stato costretto a dimettersi.
Questa panzana ricorda tanto quella del complotto ordito dalla Bundesbank, ups Deutsche bank, ups "ho avuto un lapsus" :)
Facciamo girare prima che parta questa nuova tarantella a reti unificate!

P.S. E come mi segnalano in molti, Il Giornale molto probabilmente ha pescato "la notizia" dal Daily Telegraph, ovviamente senza citarlo ;)


5 commenti:

Paolo ha detto...

La notizia arriva dal Telegraph e dal HuffingtonPost... Diciamole tutte le cose http://blogs.telegraph.co.uk/finance/ambroseevans-pritchard/100025507/italy-floated-plans-to-leave-euro-in-2011-says-ecb-insider/

http://www.huffingtonpost.co.uk/2013/09/12/berlusconi-euro_n_3913748.html?utm_hp_ref=tw

Giulia Innocenzi ha detto...

La "notizia" arriva da un libro pubblicato 4 mesi fa. Nessuno a Il Giornale l'avrà mai letto. Quindi se ne sono accorti solo quando se ne è occupato il Telegraph. E non lo hanno neanche citato.

Detto questo, nel testo del libro c'è scritto ben altro, e non di certo del complotto...

Anonimo ha detto...

Il libro dice chiaramente che Berlusconi era contro la moneta unica, che ormai è rimasto un totem solo per quei cretini che non guardano in faccia la realtá, non abbandonano i loro pregiudizi ideologici e non vogliono vedere i danni obiettivi che quest'europa e quest'euro hanno creato. Basta guardare i dati disastrosi e le statistiche negative per vedere gli effetti disastrosa di questa famosa moneta.
È ovvio che Bini Smaghi non possa dire che Berlusconi è stato oggetto di un complotto, ma è una deduzione più che logica che soltanto una persona in mala fede non compirebbe.
Chissà perchè, proprio nel periodo in cui Berlusconi ha cominciato a diventare inviso agli Stati Uniti, alla Germania e alla Francia per i suoi rapporti con la Libia e la Russia - grazie ai quali l'Italia controllava il 33% del pozzo più ricco di petrolio al mondo, impedendo così all'Europa dei poteri forti di portare a compimento il proprio progetto di controllo delle risorse - .... Proprio in quel periodo dicevamo, la maggioranza berlusconiana ha cominciato a sgretolarsi, è scoppiato lo scandalo Ruby, Gheddafi è stato deposto. E, come rivelato da Wikileaks, nello stesso periodo la Clinton chiedeva informazioni segrete sui rapporti commerciali tra Berlusconi e Putin. Poco tempo dopo, Berlusconi (a causa di tutte queste "coincidenze") si dimise. Soltanto un caso? Non credo. Se a ció si aggiunge il discorso dell'euro, tutto torna. Berlusconi è stato fatto fuori con un piano internazionale perché non ha mai fatto gli interessi dei poteri forti, della grande finanza e dell'elite economica, ma ha curato solamente quelli dell'Italia.
Fossi in te dunque, cara Innocenzi, piuttosto che attaccare Il Giornale penserei a fare un pó piú di analisi delle situazioni e soprattutto la smetterei di strumentalizzare gli eventi in maniera ipocrita soltanto per portare acqua al mulino dell'antiberlusconismo. E ti consiglierei anche di fare un pó più di autocritica al tuo giornale preferito, il famoso e infamante "Fatto Quotidiano", che da anni diffama, mistifica e ribalta la realtà per screditare Berlusconi, inventandosi balla e provando a imbambolare quella minoritaria parte di Italia che non riconosce che il Signor B., dati alla mano, è stato il miglior Presidente del Consiglio dal dopoguerra ad oggi.
Grazie e buon weekend.

Vuk ha detto...

Mi scusi Giulia, ma secondo me il pregiudizio di fondo nei confronti dell'ex premier le fa da paraocchi, facendole trarre conclusioni forzate e soprattutto affrettate.
Manca infatti una parte di ragionamento, direi importante, riguardante il conflitto di interessi intrinseco dell'unione europea e ancora di più dell'eurozona.
Non dico che debba poi trarne le mie stesse conclusioni, ma mi sarei aspettato che almeno la prendesse in considerazione.
Voglio dire, pur di liquidare la parte di italia "sbagliata" (che si sta riducendo moltissimo, visto che non votava dalla parte "sbagliata" perchè moralmente corrotta o perchè voleva evadere, ma per considerazioni sul "meno peggio" differenti da quelle dei "buoni"), come cialtrona, non si accorge che la sovranità italiana sia in mano a paesi che hanno tutto l'interesse a spremere finanziariamente l'Italia (mi sembra di capire che ciò lo ammetta lei stessa nel suo post) dovrebbe quantomeno far passar in secondo piano i cattivoni del giornale, che invece sembrano essere l'unica cosa di cui si preoccupa il post. O meglio l'unica cosa di cui si preoccupa il post è di ricordare che bisogna dare sempre torto all'Italia "sbagliata", qualunque cosa stia dicendo (tipo il foglio con repubblica), e per farlo tutto, riflessioni sulla sovranità nazionale incluse, sia sacrificabile a tale scopo. Ma vuole mettere poter evidenziare la pezzentaggine del giornale. Io non penso ci sia bisogno di evidenziarla, mi sembra già appariscente così, pur da ex elettore di centrodestra, ma da ex elettore di centrodestra mi accorgo anche che c'è una bonaria accondiscendenza in stile crozza (sua stessa ammissione) verso chiunque sia un "oppositore" di B. duro e puro.
Per l'Italia Buona c'è la presunzione di innocenza, per quella cattiva quella di colpevolezza.

Berlusconi mi sembra semplicemente il più grande caso di isteria collettiva (ai limiti della guerra civile) mai avvenuto in italia, gli si attribuiscono colpe, meriti, simboli antropologici e sociali spesso in stridente contrasto con la realtà, in entrambi gli schieramenti. Fa perdere il lume della ragione ogniqualvolta il suo nome entri in un argomento di conversazione, fa odiare/amare chiunque ne sia anche solo lontanamente collegato, o abbia lavorato per lui.

Se Berlusconi (che sembra essere destinato anche ad avere l'esclusiva sulla lettera B dell'alfabeto e sul nome Silvio per i prossimi secoli, almeno nella cultura popolare, o forse solo mediatica) dicesse pubblicamente che l'Italia è bella, immediatamente metà della gente direbbe che è brutta, berlusconiana, corrotta, ipocrita, terroristica, nazista, l'altra metà invece che è il paese più bello del mondo, dove tutto funziona, dove si campa più a lungo e le persone sono migliori. Indipendentemente da cosa pensassero un istante prima, ovviamente.
E altrettanto ovviamente le parti sarebbero invertite se Colui che Non Deve Essere nominato, il MAestro di Ogni Menzzogna e Inganno, dicesse invece che l'Italia è brutta.

E quando magari viene da accusare qualcuno di essere l'orribile "Italietta" (termine molto in voga in certi ambienti, indica un'entità metafisica in grado di radunare tutto lo sporco del paese in un unico luogo, rimuovendolo dalla restante, verginale, popolazione, e soprattutto da se stessi), bisognerebbe vautare un poco obiettivamente se stessi e i propri ragionamenti.

Vuk ha detto...

Errore nel commento:

non si accorge che *se* la sovranità italiana *è* in mano a paesi che hanno tutto l'interesse a spremere finanziariamente l'Italia (mi sembra di capire che ciò lo ammetta lei stessa nel suo post) *allora questo* dovrebbe quantomeno