18 novembre 2010

Cosa fanno i parlamentari radicali il 14 dicembre?

Cioè, fatemi capire. Cado dalle nuvole, forse sono stata io disattenta.
Dichiarazione di Pannella:
Quando si riconosce carattere e dignità di interlocutore politico al più antico partito nato in Italia, che sia Bersani, Berlusconi, Bossi o Di Pietro, noi riteniamo non solamente utile ma anche necessario un dialogo costruttivo sull'immediato e sulle prospettive.
Compreso che:
  • I Radicali sono nonviolenti e usano il dialogo come strumento di lotta politica (giusto);
  • I Radicali sono contro la caduta del governo e il ritorno alle elezioni perché un governo dovrebbe esistere per la durata del mandato conferitogli dagli elettori (giusto);
  • I Radicali non sono ideologicamente "di sinistra" (giusto);
Che significa: "quando si riconosce carattere e dignità di interlocutore politico al più antico partito nato in Italia"? Che se il Berlusca domani lecca il culo a Pannella e gli ritira fuori la strunzata che per fare la rivoluzione liberale del '94 (hahaha) c'è bisogno di una forza liberale e libertaria come i Radicali, allora il 14 dicembre i parlamentari radicali voteranno la fiducia a Berlusconi?
No, perché se così fosse (e spero vivamente che qualcuno mi smentirà), la mia tessera radicale del 2011 rimarrà nel cassetto delle "cose che avrei voluto fare ma che mi hanno impedito di compiere".


9 commenti:

Jose Gragnaniello ha detto...

Bisogna anche vedere questo carattere di dignità quanto è costato. Lascia tutto nel cassetto cmq...

RedRose ha detto...

"un governo dovrebbe esistere per la durata del mandato conferitogli dagli elettori "

C'è stata una modifica della Costituzione mentre dormivo?

Che io sappia, il Governo resta in carica ginchè non viene sfiduciato dal Parlamento. I parlamentari che compongono quest'ultimo agiscono senza vincolo di mandato. Quindi, è normale e previsto dalla Costituzione che un Governo caschi e che non se ne riesca a formare uno che ottenga la fiducia in Parlamento, costringendo il Presidente della Repubblica a sciogliere le Camere.

Attenzione...

woland ha detto...

Ma avevi un progetto di tessera radicale?
Io ormai mi sono abituato a vederli pendere da parti opposte in ogni tornata elettorale: se per le regionali hanno "prestato" la Bonino al PD, adesso tornano a destra. Non mi stupisce.

Diffido da quel partito perché è stato la fucina che ha prodotto i vari capezzone, rutelli, liguori, della vedova (che però non è uno sciocco). Non mi ha mai convinto il loro liberismo, filoamericanismo e le loro posizioni sulla questiome medioorientale. Poi, insomma, le figure pietose che ha fatto Pannella le ultime volte che l'ho visto in tv mi fanno pensare che questo partito debba fare due conti e superare il proprio passato (per quanto glorioso e meritevole possa essere).

Anonimo ha detto...

Sei talmente stupida che se strappi la tessera facciamo una festa a Torre Argentina.

Metilparaben ha detto...

@Anonimo: Voglio sperare che tu sia uno che finge di essere un radicale e di stare a Torre Argentina. Altrimenti saresti tu a dover stracciare la tessera, non prima di esserti fatto una mezzoretta di vergogna nel cesso (di Torre Argentina, se preferisci) per il fatto di proclamarti appartenente allo stesso partito di gente che si è fatta arrestare per le sue battaglie politiche e non avere manco il coraggio di firmarti su un blog.
Che tenerezza.

serena ha detto...

@RedRose: in effetti non sono i governi, ma le legislature che auspicabilmente dovrebbero durare quanto stabilito dalla legge. Qualcuno conosce altri Paesi europei dove il ricorso alle elezioni politiche anticipate sia, da vari decenni, la norma?

Per il resto: evidentemente l'ottusità di Santoro è malattia contagiosa. Incapacità, o non volontà di comprendere i Radicali (e il senso dei comunicati di Pannella). Eppure non è impossibile, persino dentro la RAI almeno uno ci riesce, e (credo) senza aver mai bazzicato in Torre Argentina: Corradino Mineo.

Fuori tema, ma non troppo: ad Annozero ho ascoltato Casini rivendicare ripetutamente al suo partito il merito di una vigorosa iniziativa a favore della regolarizzazione degli immigrati.
A me risulta che l'iniziativa sia da attribuire ai parlamentari radicali, che avevano predisposto una precisa proposta in tal senso riuscendo a farla sottoscrivere a colleghi di vari partiti, Lega esclusa. Tutti i presenti (tra i quali vari noti giornalisti, a partire dal conduttore) hanno evitato di contraddire Casini sul punto. Forse disinformati, sicuramente disinformanti nei confronti del fedele pubblico.

L'omissione, quando si tratta di Radicali, ad Annozero è la norma.
FIRMIgoni lì sta tranquillo come nel salotto di Vespa, nessuno che lo disturbi con una domandina sull'illegalità delle firme e del suo stesso terzo mandato di presidente della Lombardia.

Anonimo ha detto...

Giulia
Sono assolutamente d'accordo
I radicali la devono smettere di farsi del male da soli. Impiego un sacco di tempo a spiegare agli amici che la politica non si fa come la fa grillo (io ciò ragione tutti gli altri affanculo) portando ad esempio emma e i radicali. Fosse anche solo una provocazione non è così che si comunica. I miei 200 € del prossimo anno se li scordano se solo si avvicinano a berlusconi

Marco

Ferro ha detto...

Troverei insensato, ma facente comunque parte della casistica del "tutto è possibile", un avvicinamento radicale a Berlusconi. Ma è il pensare ai Radicali e alla Lega che appoggiano lo stesso governo che mi fa venire gli incubi. Non è umanamente concepibile.

Anonimo ha detto...

Ragazzi oggi è il 9 dicembre, il 14 non è ancora venuto, a me sembrano solo chiacchiere chiacchiere e chiacchere di una Giulia Innocenzi che deve trovare una scusa per andarsene dai Radicali sbattendo la porta. Dopotutto non sarebbe la prima, e nel clan di Rutelli e Capezzone ce la vedo davvero bene!!
David Paparozzi