14 novembre 2010

Donne e mignotte



Due notizie presenti sui quotidiani di questa domenica: la liberazione di Aung San Suu Kyi e l'apparizione di Ruby alla discoteca Karma di Milano.
Nel paese governato dalla giunta militare è una donna esempio per la libertà e per i diritti umani nel mondo a essere agli onori della cronaca. Da noi, paese "libero", le donne che riescono a emergere al momento sono quelle sulle quali pende il sospetto che abbiano avuto un rapporto sessuale con il Presidente del Consiglio. E questo sospetto frutta anche 10.000 euro per un'apparizione di meno di un'ora davanti a folle danzanti estasiate dalla regina.
Sapete che vi dico? Che mi sono veramente rotta di tutta questa merda. Che essere una donna in questo paese fa schifo. E che ho la netta percezione, ogni volta che vado in giro (dalla sagra al locale fighetto) che abbiamo fatto grandi passi indietro nell'emancipazione femminile. Sia ben chiaro: anche le donne sono responsabili di questo Medioevo femminile.
Una sola speranza: mi auguro che arrivi presto il momento in cui non dovrò più occuparmi di mignotte.


9 commenti:

socialista eretico ha detto...

che palle questo piagnisteo!

senti ma che si deve fare più per le donne in italia?

ci sono borse di studio in rosa, finanziamenti all'imprenditoria femminile, vantaggi fiscali a chi assume donne, quote per le candidate, quote nei cda delle società quotate, continue campagne del ministero delle pari opportunità, consultori ed associazioni per le problematiche sessuali, dipartimenti appositi nei partiti nei sindacati nelle associazioni.

e se tutto va male ... quelle fighe e troie possono trovare il vecchiardo che le protegge, grazie ad un rapporto bavoso o sublimato che sia!

la verità è che le donne italiane non sono mai cresciute ed invece di impegnarsi cercano continui privilegi.
e più ne hanno , più si rilassano e diventano handicappate. ed allora ne chiedono di più.

ma tu credi davvero che santoro ti avrebbe offerto un lavoro se tu fossi stato uomo(bello o brutto) o una donna racchia? sei lì perchè sei donna e carina.

web runner ha detto...

bella sagra dello stereotipo e del tuttalerbaunfascio, socialista eretico.
"sei lì perchè sei donna e carina".
Certo.
Come Ruotolo e Formigli, del resto.

socialista eretico ha detto...

web runner:


ed ecco arrivare il cavaliere da strapazzo con la protezione sublimata , da perfetto "stereotipo" descritto prima.
(non è colpa mia se questo Paese è una macchietta!)


web runner, leggili i cv di ruotolo e formigli.
l'equivalmente di giulia innocenzi nel programma di santore era la borromeo .
con giulia innocenzi è andata bene perchè preparata ed intelligente ma non è stata la prima cosa che ha guardato santoro.

non ammettere che l'esser una donna carina favorisce in quasi tutte le circostanze è ipocrisia così come lo è piangere di fronte ad una serie di LEGGI (oggettività, non giudizi personali) pro-donna.

Francesco ha detto...

In Italia le si potrebbe rispettare di più, secondo me.

I vecchiardi non prendono le racchie...

Scrivi "sei lì perché sei donna e carina". A mio parere ci manca, almeno, un "anche": cioè sei lì anche perché sei donna e carina (secondo me è bella, ma è un altro discorso). Giulia ha davvero un bel curriculum: a mio parere Santoro, questa volta, ha scelto meglio. La Borromeo, una bella donna, non so che curriculum avesse però; la Granbassi, anche lei piacente, ma penso che fosse "poco" preparata... Direi che Giulia è anche molto preparata oltre a essere molto piacente, o no?
Non so quale sia la tua esperienza personale, ma io, partendo dalle elementari, fino a quando ho fatto finta di fare l'università (o meglio, "le università") ho sempre visto che, mediamente, le donne sono più preparate degli uomini: non parlo di intelligenza, ma di determinazione e ambizione. "Forse" in Italia questa maggior preparazione femminile (ricordo che si parla in media e non di intelligenza) non riesce a tradursi in modo adeguato nel mondo del lavoro: intendo che il numero di donne in posizioni chiave è scarso, almeno rispetto alla loro preparazione media. Questo a mio parere è un Paese strano: senza memoria; dove l'italiano è poco conosciuto; la matematica è qualcosa di ignoto; l'arte? Per molti la fotografia è non è nemmeno un'arte, per esempio...; le regole? Sconosciute, chi le segue le regole? vai in mezzo al traffico, vedi come si comporta la gente sui mezzi pubblici ecc... E le tasse?... Cosa c'entra? Tutto è collegato, tutto c'entra! Siamo un Paese che è molto indietro, purtroppo, e lo siamo in molti campi, in molte cose... Magari mi sbaglio, ma non credo.

Inneres Auge ha detto...

"abbiamo fatto grandi passi indietro nell'emancipazione femminile. Sia ben chiaro: anche le donne sono responsabili di questo Medioevo femminile."

Sono d'accordo ma quelle che vendono il proprio corpo non sono vere donne. Tu non lo faresti, suppongo.

Luca ha detto...

Il problema è che critichiamo e diamo tanto addosso a queste ragazze/donne/mignotte ma poi cosa fa la gente?? Va in discoteca soltanto per vederle come se fossero chissà chi!!E i giornali non fanno altro che enfatizzare queste situazioni,è da diversi giorni che anche su un tg normale come quello di LA7 passano servizi su Ruby che va in discoteca. Ma è possibile che non si riesca a capire che proprio così alle ragazze passa il messaggio sbagliato? Datela che farete strada??

Paolo ha detto...

“Non perdete la speranza”.
Invece che di Ruby parliamo di Roby, sì esattamente di Roberto Baggio riceve il “Peace Summit Award 2010” che uomo italiano, sportivo e calciatore fuori dal comune, riceve il premio che ogni anno è assegnato dal summit mondiale dei premi Nobel per la Pace a Hiroshima. Motivazione con la quale gli viene consegnato il premio è la seguente: “Per i suoi contributi alle organizzazioni di beneficenza in tutto il mondo, oltre ai finanziamenti agli ospedali, per il terremoto di Haiti e per il suo impegno per la libertà di Aung San Suu Kyi” a cui Roberto ha dedicato il prezioso riconoscimento! Dedichiamo più spazio nei mass media a l'Italia autentica! Buon lavoro e non perdere la speranza!

Francesco ha detto...

Però, avevo sentito qualcosa, ma non pensavo che Baggio fosse un tipo così in gamba! Davvero lodevole! Ciao!

emilio ha detto...

Priva volta che lascio un commento qui!
Concordo con quanto hai scritto ma solo in parte:
personalmente non trovo che ci sia nulla di male a far le veline, o le fotomodelle o quanto'altro, fino a quando non ci sim concede per contratti o apparizioni tv, o si rinuncia alla propria dignità di persona (cosa che fanno anche molti uomini).
Secondo non credo che all'estero sia molto meglio: di donne disposte ad andare con il politico di turno ce ne sono sempre molte, il fatto è che vengono tenute fuori dalla politica, c'è più rispesto per la semplice decenza. Quindi secondo me più che un problema riguardante le donne (sia chiaro, in italia c'è un problema legato alla condizione delle donne, ma riguarda altre cose, più "comuni") è un problema riguardante la decenza, la dignità, la responsabilità e l'onorabilità di chi fa politica.
Ruby, più che accumunarla ad una ragazza che è discriminata sul lavoro la vedrei bene con un Corona, o un lele mora, gente fatta della stessa pasta, ed è cosa che va oltre la condizione della donna, ma riguarda gente che per soldi e successo è disposta a fare ogni cosa, anche le più immorali. ripeto, se in un futuro lontano ua mia ipotetica figlia volesse fare la velina non mi arrabbierei per niente, quello che abbiamo visto in certe situazioni non è il semplice ballare o farsi fotografare seminude o nude in pose sexy (cosa legittima per me) ma il prostituirsi, fisicamente o (per gli uomini) mentalmente e questo è per me veramente grave.
Saluti
p.s. se mai leggerai questo post sappi che seguo sempre annozero e penso che facciate tutti uno splendido lavoro:)