15 maggio 2011

A Rimini il mio voto (dissociato)

Purtroppo della politica riminese non so molto, ma solo le cose basilari: ha sempre governato la sinistra, e cioè il Pd. Ora, non è che le cose nell'amministrazione di Rimini vadano malissimo, ma neanche molto bene: ogni tanto quando ti fai il bagno in mare ti ritrovi accerchiato dalla merda gettata lì dentro dagli alberghi, gli imprenditori costruttori sono grandi amici degli amministratori, con tutte le conseguenze sul verde della città, e gli eventi culturali - eccetto le ottime mostre del Castel Sigismondo e la riapertura delle rovine romane della casa del medico - lasciano un po' a desiderare.
I Radicali a Rimini non sono candidati, e questo lascia davanti a me una prateria. Per informarmi ho chiesto sia agli amici radicali, sia agli amici amici, che ne pensassero dei candidati. Tutti erano d'accordo su un punto: che il candidato sindaco del Pd, tale Andrea Gnassi, brilli soltanto per una carriera lineare all'interno del Pd e nelle istituzioni in cui ha precedentemente lavorato. Un uomo di partito, insomma, che però ha scelto come slogan la seguente frase: "voltare pagina". Scelta molto infelice, se si considera che in queste elezioni è proprio lui l'elemento di continuità. E queste informazioni mi bastano, almeno per il primo turno, per non votarlo. Chiaramente Gnassi è vittima anche del mio voler impartire una lezione al Pd, e quindi non se ne voglia troppo.
Altri mi hanno detto che proprio per segnare un taglio netto con il passato avrebbero votato per il candidato del Pdl, Gioenzo Renzi, uno che lavora in banca e che in politica ha fatto strada nell'MSI: si candida sempre a ogni elezione, ben consapevole che tanto non ce la farà. Questa scelta, però, mi sembra molto superficiale: è lo stesso Berlusconi ad aver detto che queste non sono elezioni amministrative, bensì un test nazionale, ed è quindi lui che le ha trasformate in un referendum sulla sua persona. E come si fa, dopo il bunga bunga, la Minetti (riminese) e le accuse di terrorismo ai magistrati che rischiano la vita per garantirci giustizia, a votare ancora per lui? No, se così stanno le cose, preferisco tenermi 1000 burocrati di partito del Pd, che non il Renzi che viene dalle banche.
E allora, cari amici, tolti di mezzo i due big, la mia scelta alla fine va come segue:
Candidato sindaco: Fabio Pazzaglia, di SEL.
Candidato consigliere comunale: Ciri Ceccarini, di FLI.
Fabio Pazzaglia era consigliere comunale con il Pd, ma dopo dissensi su cementificazione e inquinamento se n'è andato. E' su una sedia a rotelle a causa della distrofia muscolare, e nonostante questo è impegnatissimo sia in politica che in cooperative che aiutano i disabili. Non sono una fan di SEL, soprattutto se penso che ci sono molti reduci di Rifondazione comunista, ma altre due liste di vetero-comunisti appoggiano altri candidati, e Pazzaglia è uno che ha dimostrato sul campo che non si piega ai compromessi e che si batte per una Rimini più verde. Anche il suo programma è convincente.
Al consiglio comunale, invece, vado per Ciri Ceccarini: cantautore, attivista omosessuale, vittima due anni fa di un'aggressione omofoba, ha dichiarato: "Voglio battermi per i più deboli, per gli anziani e gli extracomunitari. Sono rimasto affascinato da Futuro e Libertà perché è di stampo liberal, europeo, giovane". E poi dare un po' di vigore a FLI, che qualche errore l'ha pure commesso, ma che ha dato lo sgambetto iniziale al PDL cui ha seguito il suo inesorabile declino, male non fa. E in una città a quasi-monopolio rosso, un po' di alternanza è solo sale per la democrazia.
Infine, so che i grillini faranno un risultato enorme a Rimini, e so che sono molto attivi nella città. Li ringrazio per la vitalità che stanno portando in questi ultimi anni alle elezioni e per l'esperimento di democrazia partecipativa che sostengo fortemente e che, come ha detto Celentano, costituisce il futuro. Ma io non posso dare la mia fiducia a chi quotidianamente getta merda sulle istituzioni, inneggia alla violenza ("non fateci incazzare che poi sono guai, avete capito?! State attenti!") e denigra il confronto politico perché lui fa solo "monologhi". Per me il problema dei grillini è proprio Grillo, e che loro mi rispondano che lui non è il leader, ma che "lo siamo tutti noi", è una grandissima falsità. Basta leggere l'art. 3 del "non-statuto": "Il nome del MoVimento 5 Stelle viene abbinato a un contrassegno registrato a nome di Beppe Grillo, unico titolare dei diritti d’uso dello stesso".
Tutto il resto è noia. Buon voto!



5 commenti:

Eco della Terra ha detto...

Interessante e curioso post, sarai l'artefice della grande alleanza da Fli a Sel? :P

Sicuramente ottimo il fatto che venga citato più di una volta l'ambiente come motivazione di scelta politica, sarà che è un tema che mi tocca, come tocca anche i candidati della Lista Bonino Pannella.

Su Sel, mi dispiace dirlo, ma non mi sembra una buona scusa dire che non ti piace perché ci sono ex Rifondazione. Preferisco considerazioni ben ponderate, anche perché ci saranno ex rifondazione che votano radicali, o non credi sia possibile?

Sul Movimento Cinque stelle, analisi abbastanza azzeccata. Dipendere da un uomo carismatico può diventare un problema (soprattutto se Grillo non fa politica direttamente). Spero che certe considerazioni avvengano anche tra i radicali però.

Ciao

Eco della Terra ha detto...

P.s.: ricordo che Giuliano Pisapia, candidato sindaco a Milano appoggiato dai radicali, è un ex Rifondazione.

pyxis ha detto...

su Grillo, direi: guardare la Luna, non guardare il dito.
Lui punta al problema vero, parla di una soluzione ma non dice che e' lui questa soluzione. il ché fa ben sperare... sostanzialmente ci dice di non fidarci di nessuno, e la stessa filosofia si deve applicare per loro (infatti vedi i due consiglieri regionali che a Bologna qualche tempo fa hanno fatto decidere ai sostenitori circa le loro dimissioni). tra i modi del comico e quelli del presidente del consiglio preferisco i primi. se non altro posso dire a me stesso che fa il comico.

Anonimo ha detto...

Io non capisco l'accanimento contro il movimento 5 stelle!
Un cambiamento ci vuole, un forte segnale bisogna lanciarlo!
Bisogna togliere portere ai partiti, idealmente sarebbe meglio avere tanti movimenti, ma genuini che assieme raggiungano la maggioranza! Non cambierà mai nulla nel modo di gestire il paese, se l'influenza delle persone che gestiscono i partiti non viene sovrastata da un'altra corrente!
In ogni caso con le forze politiche in campo in questo momento, difficilmente la situazione può politicamente peggiorare. Solo un risultato migliore del precedente della maggioranza potrebbe creare lo stallo per far involvere ulteriormente il paese!

Andrea ha detto...

E' interessante come giudichi i "grillini", (meglio definirli Movimento 5 stelle), solo sulle parole del loro "sponsor" (lo definirei più così che leader, visto che non si è candidato). Secondo me se volevano gettare fango sulle istituzioni non si sarebbero candidati; nel momento in cui "sali" in politica porti idee e innovazione; il fango semmai lo gettano sui comitati d'affari che da anni hanno preso il posto dei partiti.
E comunque è l'unico movimento dove si dà più peso alle idee e alle proposte concrete che all'ideologia politica (che sia destra, sinistra, pro o anti berlusconiana). Penso che nei candidati eletti nel Moviemnto 5 Stelle ci sia più voglia di cambiamento che nei partiti tradizionali. E per dare una stoccata "benevola" ai radicali: sei sicura che riescano ancora a parlare agli elettori o ultimamente sono diventati abbastanza auto-refernziali?