12 febbraio 2011

Esempio calzante


Grazie Belpietro, dico davvero. Ieri ci hai spiegato perché domani bisogna scendere in piazza: contro i maschilisti come te che per attaccare una donna utilizzano stereotipi sessuali.
Complimenti per la professionalità e la risposta sui contenuti da me proposti.


30 commenti:

Francesco Frank ha detto...

Complimenti per l'autocontrollo: di fronte a un Belpietro che finge di interessarsi alle sorti dei precari della Rai sarei esploso in una risata sguaiata.

licensetransfer ha detto...

"L'arte di ottenere ragione" A.Schopenauer.
Argumentum ad personam, stratagemma #38
(non a caso l'ultimo, da usare quando sei alla frutta):

"Come ultima risorsa diventare offensivi, oltraggiosi e grossolani."

Chissà perché Belpietro ha usato questo argumentum contro il tuo accenno ai giornalisti prostituiti: non mi capacito, non mi spiego, non riesco a darmi ragione di come possa essersi sentito chiamato in causa.
Secondo me è ancora scosso dal fallito attentato.

Complimenti per come hai tenuto botta. Qualcun'altro avrebbe colto l'occasione per sistemare la mascella di Belpietro e in ciò mi rendo conto di usare anch'io lo stratagemma #38

Mattia P. ha detto...

http://www.tvblog.it/post/23897/maurizio-belpietro-contro-giulia-innocenzi-siete-le-veline-della-sinistra

Gero ha detto...

Ciao, ma perchè Santoro continua ad invitarlo praticamente al 99% delle puntate? Ho sempre pensato che la cosa oscilli dal obbligo al sadomaso.

licensetransfer ha detto...

Approfitto dell'ospitalità nuovamente dopo aver visto il filmato per sottolineare come dal minuto 6.10 la telecamera in primo piano sul monologo di Paragone che fa abbassare l'audio in studio e si rivolge direttamente ai telespettatori dimostra la sua totale incapacità di condurre un talk show.

Chiedo quindi a Belpietro: un precario RAI che sostituisse Paragone lo si poteva trovare no? NO?

Zodar ha detto...

Il discorso di Belpietro è agghiacciante.
Cmq, secondo me per la TV è ANCHE utile l'estetica, non necessariamente una persona deve essere "bella" ma comunque avere delle doti di "presentabilità" è sicuramente importante, come dicono in gergo deve bucare lo schermo.

Detto questo, un conto è scegliere persone solo per aspetto estetico DI UN CERTO TIPO, un conto è tenerne conto in un contesto più ampio.

Poi se Belpietro chiede "ma tra gli 11 mila precari non ce ne sarà uno che sa far 2 domandine come te?"

La risposta è SICURAMENTE SI.
Scegliamo allora quella.
Poi allora io richiedo: "perché quella? tra i 10999 non ce ne era un'altra che poteva farlo al posto di quella appena scelta?"

OPPURE chiedo a Belpietro:
Ma tra quegli 11mila precari RAI, ce ne sarà almeno uno capace di fare il giornalista meglio di te?
PERCHE' E' STATO SCELTO BELPIETRO?

Rob ha detto...

A parte l'idea bislacca che tutti i precari della Rai siano in Rai solo per poter finire ad Anno Zero, e che quindi la presenza di Giulia Innocenzi sia uno "scavalcare", mi sembra sgradevole parlare di corda in casa dell'impiccato: un idiota come Paragone, catapultato dalla Padania alla Rai, mandato in onda nonostante sia ignorato dal pubblico.

Maxso Magazine ha detto...

Non capisco per quale motivo vai in quel programma. "L'ultima Parola" è quanto di peggio possa offrire la TV italiana. Paragone tutto è fuorché un conduttore. Tutto sommato te la sei cavata. Pensa se al posto di Belpietro c'era Sgarbi...

Iris Tinunin ha detto...

giulia.. quando la persona è ZERO, l'offesa è niente!

tu, tu sei giovane bella e in gamba e per loro l'intelligenza è una cosa talmente strana che riescono solo ad attaccarla!

la frase banale ma sempre opportuna in questi casi: non ti curar di loro ma guarda e passa!

Anonimo ha detto...

ah, ah, ah...




dissenso

Pina ha detto...

Condivido quello che ha scritto Francesco.
Brava per aver tenuto.
È disgustoso quello che ti ha detto e noto che l´accanimento verso le donne nei dibattiti politici raggiunge livelli di acrimonia diversi rispetto a quando a parlare sono due maschi.
Quando é una donna a parlare una certa parte tende a mettere in atto manovre ancora piú violente per intimidire e zittire!
Quando Belpietro parla con te ha un tono, quando parla con gli altri ne usa un altro. Mi ricordo di una puntata di annozero in cui fu altrettanto violento e maleducato con Concita De Gregorio.
È un caso: tu e Concita sue colleghe e per di piú donne.
È solo una mia impressione?

Anonimo ha detto...

Ciao Giulia, mi spiace per l'attacco stupido di Belpietro, come dicevi tu la prostiruzione giornalistica non è la testata per la quale uno lavora ma lo spirito con il quale quel lavoro viene fatto

In piu' credo che Belpietro abbia anche fatto una "allusione" al "rumor" basato su parentele presunte con Giancarlo Innocenzi membro dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.
Le parentele presunte erano state usate anche conto la moglie di Prodi: era il periodo "Cogne" e si è sempre usato sia (.per Flavia Franzoni che per Annamaria Franzoni il cognome da celibe.Quando invece la stessa cosa non viene fatta per la signora Clio Napolitano )

Quando si chiede come tu abbia avuto il tuo posto penso faccia anche questo stupido riferimento dell'allusione.

( tra parentesi: trovo scandalosi gli interventi di Paragone con l'Occhio di Bue puntato addosso che dice che contro Berlusconi nn ci sono elementi probatori ).

Chica ha detto...

Mi piace quando ad Annozero riesci a non lasciarti sopraffare dalle loro voci e non perdi il filo del discorso...è il loro stratagemma...non so' come tu faccia, o come hai fatto....io m'incazzaerei come una biscia...
...continua così....:)

Sylvana ha detto...

Innanzitutto sono d'accordo con te: abbiamo un altro motivo per scendere in piazza domani. Inoltre voglio farti davvero i complimenti per la professionalità con cui hai affrontato questo momento. Questo dimostra la nostra forza!

luca ha detto...

Purtroppo l'Italia è un paese razzista omofobo e maschilista e, in questo senso, è ben rappresentata dall'attuale classe politica dirigente.
Se il linguaggio è la diretta espressione delle idee, le parole pronunciate ieri sera da Belpietro hanno dimostrato, ancora una volta, che le sue idee valgono meno di niente.
Tuttavia ho provato un forte disgusto per il comportamento arrogante e aggressivo che ha avuto nei tuoi confronti, ma ciò che più mi ha colpito è stata la tua capacità di saper argomentare con lucidità e professionalità nonostante le offese ricevute, le vergognose insinuazioni e le sistematiche interruzioni.
Ti faccio quindi i complimenti e ti ringrazio, perchè ritengo che la capacità di non perdere il controllo di fronte alle provocazioni sia fondamentale per superare l'era dei dinosauri.

Io ha detto...

Che strano... Belpietro, senza che tu lo avessi esplicitamente associato al discorso sulla prostituzione nel giornalismo, si è sentito punto sul vivo e ha iniziato, come da copione, ad urlare e offendere. Complimenti a te per come hai gestito la situazione; la pacatezza e la chiarezza delle argomentazioni pagano, ne sono convinto. Un motivo in più (come se non fossero già abbastanza) per scendere in piazza domani.

Anonimo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=itWr4PnUziM&feature=related

Saluti
Giulio

socialista eretico ha detto...

secondo me:

buon autocontrollo finchè sei partita con la litania del "maschilista".
telese faceva miglior figura se stava zitto.
belpietro ha obiettivamente ragione però.
paragone su tutti, ha colto la palla al balzo ed ha fatto un commento stile documentario mettendosi in esterno(come un naturalista che commenta il branco) ed ha colpito in quel che interessava: la difesa di berlusconi.

non ne sei uscita malissimo per abilità ma hai un peccato originale troppo pesante.
devi dimostrar di valer di tuo altrimenti....


(con gli anni hai una figura meno da ragazzina pannelliana e più giornalista stile usa ma studiare un po' di impostazione per la tua voce?)

Anonimo ha detto...

Esempio più che calzante!!!

La mia solidarietà a Giulia che nonostante la forte provocazione è riuscita a mantenere la calma.

Maurizio voleva metterla in difficoltà, voleva mortificarla, ma non c'è riuscito.


Il "direttore" era alla ricerca di uno scontro diretto che è sembrato studiato a tavolino, premeditato?

Chi ha avuto modo di seguire si è reso conto del perché si attacca Giulia.

Attaccare Giulia significa attaccare Michele ma sopratutto "Anno Zero" che dà tanto fastidio a un certo modo di governare o meglio di non governare.

E' notizia di oggi di un giornalista di Anno Zero che è stato Scalciato da Ignazio, noto ministro della Difesa o dell' attacco? non sono più delle coincidenze... a questo si aggiungono i nuovi provvedimenti che potrebbero o dovrebbero entrare in vigore e che sanno tanto di bavaglio verso la libera informazione.

E' un clima surriscaldato dove anche gli attacchi alla stupenda Giulia possono tornare utili.

Ecco perché ieri è successo quello che è successo ma che,invece, non doveva succedere.

"Spazio Giovani" è una rubrica che è cresciuta molto, che è seguita con interesse, e tutto questo grazie a Giulia.

Non sono delle semplici domandine, Maurizio le ha chiamate così, dietro quelle domande c'è tutto un lavoro, c'è un forte impegno professionale svolto con scrupolo e spirito di sacrificio dalla cara Giulia.

Certamente ci sono altre valide alternative giornaliste che potrebbero svolgere bene quel ruolo, ma è come dire che il giornale Libero potrebbero benissimo dirigerlo altri validi giornalisti.

Detto questo, sono convinto che Michele abbia scelto Giulia perché ha delle qualità giornalistiche, di dialettica, propositive e riflessive, che ha aveva messo ben in evidenza in una di quelle puntate a cui faceva riferimento la stessa Giulia. E' la verità. Su questo non ci piove.

E' sincera Giulia e va tenuta al riparo, preservandola, dalla strumentalizzazione e dalla delegittimazione.

Io, come tanti, abbiamo provato un senso di irritazione verso chi attacca la dignità di un ruolo, di una professione.
Il comportamento del direttore denota una mancanza di rispetto verso Giulia e una malcelata arroganza mista a un ottuso maschilismo.

Saluti
Giulio

Anonimo ha detto...

scrive eretico: non ne sei uscita malissimo per abilità ma hai un peccato originale troppo pesante.
devi dimostrar di valer di tuo altrimenti....

Io: Giulia ne è uscita benissimo e senza peccati di sorta o di specie.
Lasciamola così a Giulia, non trasformiamola in una urlatrice stile "la Daniela" della manifestazione pro Silvio.
Non deve modificarsi di una virgola, del resto una dei suoi punti forti è proprio questo suo modo di essere che, fra le altre cose, piace tanto.


Eretico: (con gli anni hai una figura meno da ragazzina pannelliana e più giornalista stile usa ma studiare un po' di impostazione per la tua voce?)


Io: va bene va, la mandiamo pure a scuola di dizione politica? perché bisogna snaturare una persona o forgiarla sulla base del proprio immaginario?
Giulia va assolutamente bene così e proprio questo che piace di lei, lei è così!

L'altra volta alcune amiche mi chiedevano se vedevo dei difetti in Giulia, come conduttrice. Non ho risposto e sono rimasto zitto.
Giulia ha la mamma inglese e il papà italiano?
Potrò sbagliarmi, ma ho come l'impressione che Giulia abbia ereditato tutti i pregi inglesi e un difetto italiano.
Paradossalmente è proprio questo "difetto" italiano che le permette di catalizzare in positivo molti telespettatori.


Qual è questo "difetto"?

non lo dico.. :-)

Saluti
Giulio

Anonimo ha detto...

Ritengo che Belpietro abbia solo analizzato oggettivamente il perché la signorina Innocenzi compaia in video nella trasmissione di Santoro. Non capisco cosa centri il maschilismoo qualsiasi forma di discriminazione.

M@uro ha detto...

Complimenti Giulia, soprattutto per l'autocontrollo.

P.S. Se mai ti dovesse capitare di intervistare il ministro La Russa, il collega Formigli consiglia di munirsi di scarpe antinfortunistiche, quelle con la punta rinforzata!

Spaziodaleoni ha detto...

Sono ai ferri corti.. io l'avrei denunciato

PERCVLATOR ha detto...

Complimenti sinceri, Giulia. Più che altro per essere riuscita a non perdere le staffe, che è esattamente quello che sperava quella vuvuzela ambulante che è Belpietro.
Io francamente non ci sarei riuscito. Io avrei risposto facendo presente a Belpietro che questo metodo intimidatorio/camorrista del gavettone alla merda tirato addosso all'avversario funzionerebbe anche contro di lui, e gli avrei rinfacciato la sua finta aggressione sul pianerottolo di casa, che ora come ora è considerata una bufala anche da quelli de "Il Giornale" (i quali ovviamente erano i primi a gridare indignati, prima che Feltri passasse a Libero).
E poi avrei spiegato all'acuto e sensibile Castelli che la "macchina del fango" (che lui sostiene essere una cavolata) è un qualcosa con cui la Lega dovrà sicuramente fare i conti, se a Bossi passasse anche solo per l'anticamera del cervello (sic!) di tradire il Sultano.

Anonimo ha detto...

Parola di Belpietro ha lo stesso valore di una moneta di EU 3,00

Quando sentiva che era discriminante nei confronti del giornalista, venne a parlare a nome dei dipendenti della Rai , come se fossero lo sostenevano .

Andrea ha detto...

Tutta la mia solidarietà a Giulia, attaccata su questioni personali e qualunquiste, che servivano solo a screditare lei e il suo pensiero. Proprio quello che è l'obiettivo della macchina del fango: non si discute delle idee dell'avversario, ma si tende a delegittimarlo non considerandolo neanche un interlocutore all'altezza. E per fare questo si inventano argomentazioni del tutto pretestuose e senza un minimo straccio di motivazione.

Anonimo ha detto...

Chiedigli la domanda posta qui

http://www.noisefromamerika.org/index.php?module=comments&func=display&cid=62865

Philip Michael Santore ha detto...

Cara Giulia Innocenzi,
Belpietro ti ha fatto una domanda: ti ha chiesto se chiunque sarebbe capace di fare il lavoro che fai.
Lo hai accusato di insinuare, di essere maschilista, di attaccarti personalmente.
Ma non hai risposto alla domanda.

Anonimo ha detto...

mi domandavo: ma com'è poi che lavori con la Rai di Santoro? Alla domanda non arrivò risposta.

Mi dai l'indirizzo a cui mandare il cv? Anche io so fare analisi approfondite socialmente utili.
Tanto l'indomani si cambia argomento e si dimentica il detto.

joe ha detto...

per rob
volevo rispondere a rob dicendo che paragone è colui che fa ascolti che oscillano dal 10 al 15 % ed è uno dei programmi piu' seguiti in seconda serata,è di parte e lo si sa ma è uno che invita sempre al pari gente di sinistra e gente di destra... offendere o insultare una persona solo perchè non la pensa come noi senza esprimere un perchè lo si insulti o dicendo delle cose inesatte mi sembra davvero una cosa di brutto costume e di basso livello... tra l'altro paragone è l'unico che invita giulia a parlare e dire la propria opinione ed io personalmente stimando ed apprezzando giulia gliene sono grato... piu' serieta' e meno superficialita' caro rob grazie