9 gennaio 2011

Propaganda sui binari

Di rientro a Roma mi sono imbattuta a Falconara Marittima, durante il cambio treno, nelle notizie diffuse a mezzo megafono dalle Ferrovie dello stato.
L'ultima mi è sembrata alquanto intimidatoria per gli utenti delle Ferrovie sprovvisti di biglietto, e su per giù faceva così:
A Buenos Aires mamma con figlia scappa dal controllore perché senza biglietto. Nella sua folle corsa non fa in tempo a mettere giù la figlia per attraversare i binari che passa un treno. Fortunatamente la figlia era molto piccola ed è riuscita a salvarsi con il suo corpicino che ha aderito alla banchina. Buon viaggio da Trenitalia.
Che dite, l'effetto propaganda ha contagiato anche le Ferrovie?


4 commenti:

Anonimo ha detto...

agghiacciante. comunque mi hanno convinto, troppo pericoloso, non userò più i treni.

stealthisnick ha detto...

surreale più che agghiacciante

Spulci ha detto...

Beh se pensate che il messaggio che sento più spesso in stazione è del tipo "ricordiamo che è vietato scendere dal treno fin quando non è completamente fermo". Probabilmente, lo dico in tono sarcastico, vogliono evitare suicidi per limitare i ritardi che ne seguirebbero, garantendo un servizio di qualità.
A parte tutto, c'è qualcuno che ha bisogno davvero di un avviso simile?

Francesco ha detto...

Ciao, bé, meno male che almeno la figlia l'hanno risparmiata... Certo che ormai si rimane basiti così spesso che si è sempre a bocca aperta: non ci rimane che fare tutti concorrenza al leone della Metrogoldwin ecc... insomma alla MGM, quello dei film. Comunque, se l'avessi sentita io, avrei chiesto conferma ai vicini di aver sentito/capito giusto: in effetti è sia surreale che macabra... "Allegria!" come avrebbe detto l'immortale (più o meno) Mike!
Ciao! o come scrivono alcuni ciau, ciau: saranno sardi?... Questa è buona, vero?;-) Ma che pretendi, ho la febbre...