22 gennaio 2010

Muro sul web = muro di Berlino


I paesi che istituiscono barriere elettroniche su internet o filtrano i risultati dei motori di ricerca contravvengono alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, che garantisce libero accesso all'informazione.
Restiamo in attesa di un discorso di questo calibro anche da un rappresentante del governo italiano.
Chissà, magari entro la fine di questo secolo...


4 commenti:

Fabio ha detto...

noi abbiamo D'Alia...

stilgar ha detto...

Restiamo in attesa ma, ahimè, con grossissimi dubbi..

Gianluca ha detto...

Pr i nostri, credo che l'attesa sarà vana...sanno bene che c'è il concreto rischio che le ersone comincino a pensare e capire....

marco ha detto...

non che non condivida ma c'andrei cauto. prima di fare dichiarazioni del genere con la coscienza pulita la clinton dovrebbe parlare un po' del patriot act, del dmca e delle ricadute su internet e la libertà delle persone.