2 febbraio 2010

E mo'?


Adesso cosa facciamo, li eliminiamo ad uno ad uno, una bestemmia dopo l'altra?
No, perché fossi stata io dentro la casa del Grande Fratello, dopo l'annuncio dell'espulsione di Massimo per una bestemmia da far ridere, avrei organizzato la bestemmia collettiva da ammutinamento del Bounty.
Anche senza la disobbedienza civile, però, è un fatto che gli italiani bestemmino. E se quella è la casa del reality, dove tutti si ammucchiano con tutti, si menano, etc., dovrebbero essere anche liberi di bestemmiare.
Perché altrimenti il reality va bene solo quando c'è da fare audience (con la scopata in diretta, ad esempio), ma se c'è da portare avanti una minima campagna culturale (la libertà di bestemmiare - sta poi alla sensibilità dei singoli ritenerla opportuna o meno), allora il Grande Fratello non può tirarsi indietro.
Perché il reality a metà non vale.
Peccato che non ne siano consapevoli i partecipanti, forse troppo impegnati a truccarsi o a ingellarsi i capelli.

*da Francesco Sciotto. Fortuna che ci sono i Radicali a mandare in onda tutto, "senza filtri, senza mediazione, senza veline!":



15 commenti:

Chiara ha detto...

dice "oddio, veggente" in tono ironico verso quanto detto da Carmen. Non facciamo il loro stesso gioco di spettacolarizzare tutto sempre e per forza!

littlecaesar ha detto...

Sarà ancora più divertente. Tutti a dire la loro "ha bestemmiato", "no non ha bestemmiato", "riascoltiamola "... ad libitum.

E in questo modo la bestemmia sarà "pubblicizzata" ovunque. Ne saranno felici i bigotti.

Giulia Innocenzi ha detto...

E' il feticismo, il controllare, il dover scrutare, che rende tutto perverso.
Altrimenti sarebbe tutto molto naturale.

Giulia Innocenzi ha detto...

http://www.corriere.it/spettacoli/speciali/2009/grande-fratello-10/notizie/bestemmia_giorgio_ronchini_75f6a59c-0ffc-11df-9603-00144f02aabe.shtml

Max ha detto...

Mah. Non capisco perché "sprechi" dei post per parlare del GF. Il reality di Mediaset è la peggior cosa che la TV possa offrire. Come dice il mitico Pino Scotto, ci vorrebbe un lanciafiamme...

Anonimo ha detto...

Ciao Giulia, guarda che la bestemmia sulla tv generalista non ci sta... Per cui è normale che hanno tolto quel bifolco... E poi devi capire una cosa: anche se vai in tv di tv ancora non capisci tanto... La bestemmia su canale 5 non può andare in onda perché offendi gran parte delle persone che seguono il programma... Hai capito?

Gianluca ha detto...

Non capisco se per salvaguardare il fine ultimo di un reality, si debba comunque legittimare l'uso della "bestemmia". Un conto è trasmettere qualcosa che accade accidentalmente, un conto è organizzare il festival della bestemmia. Come si rispetta qualcuno che non condivide le nostre stesse idee così dobbiamo rispettare le diverse "sensibilità" religiose. Il grande fratello è una farsa che non ha nulla di reality, simbolo e frutto di una tv che segue i gusti di chi la guarda. Legittimare, per qualsiasi modo la bestemmia, non è sinonimo di democrazia o tolleranza. fare TV o radio seriamente, senza censura, non è tollerare l'eccesso...si cadrebbe nello stesso spirito del gf o dei preziosi programmi del pomeriggio di canale 5...altra cosa, altro spirito i programmi di radio radicale, non mischiamo o accostiamo il sacro al profano. Ricordo il periodo di radio radicale che riceveva messaggi senza censura...quella sì era una forma di protesta civile.

Anonimo ha detto...

Libertà di bestemmiare?
Gli antichi dicevano che la libertà di ognuno finisce dove inizia quella del prossimo. Ora, dire che la bestemmia in diretta tv rientra tra le libertà da difendere mi sembra un tantino eccessivo.
La bestemmia offende molti? Sì. Dà fastidio agli spettatori? Verosimilmente sì, altrimenti il GF non si preoccuperebbe (Mediaset fa tv per far soldi, non dimentichiamolo...).
Quindi se vogliono eliminarlo, buon per loro. Non mi straccio le vesti per una cosa del genere, Mediaset è libera di dare ai suoi programmi il regolamento che più ritiene opportuno. E vietare tutte le bestemmie.

Gianluca ha detto...

E sui giornali di oggi, Petrucci, presidente del CONI, sebbene potrebbe impegnarsi per ben più urgenti questioni, ha chiesto ai cc.dd. direttori di gara di non transigere verso chi bestemmia in campo o durante una gara. Nenach'io credo che questa sia una battaglia (ma dobbiamo chiamarla "battaglia"?) che valga la pena essere discussa e combattuta.

Radicale Ignoto ha detto...

Vale la pena eccome!
Chi manda in onda il GF (e gran parte dei telespettatori) parte dal presupposto che l'unica sensibilità da rispettare sia quella "religiosa"?
Se dovessero vietare tutte le cose che non rispettano la mia sensibilità "umana" farebbero prima a chiudere baracca e burattini.

Gianluca ha detto...

Ti pare che rispettino solo la sensibilità religiosa? Allora non sanno cosa voglia dire avere "sensibilità" religiosa, sia essa cristiana o altro. Per favore, non pensiamo che siano sensibili alla questione di una qualsiasi fede.

Matteo Mainardi ha detto...

Bè, non so cosa sia successo al Grande Fratello (che non guardo dato che non ho la tv) ma non credo che la bestemmia sia un diritto da conquistare. Non sono cattolico ma credo che si debba sempre fare un bilanciamento tra i diritti: credo che la bestemmia violi la sfera individuale dei credenti.
Comunque complimenti per i contenuti del blog. Mi sono permesso di aggiungerti ai preferiti del mio sito.

Al ha detto...

Grande Fratello, bestemmie.
Non sono contro chi ha bestemmiato.
Mi basta che domani si faccia filmare mentre bestemmia contro Allah.

Il rispetto c'è per tutte le religioni o solo per alcune?

Anche nella bestemmia si cela la vigliaccheria umana.

Anonimo ha detto...

Giulia, sei brava, pazienza per il programma Il più grande...ma non perdiamo tempo con il Grande Fratello :/

Anonimo ha detto...

Giulia, ti seguo su annozero, sei una ragazza Bravissima e ti stimo, tra l'altro siamo coetanee.
Allora sono capitata nel tuo blog e mi sono detta "vediamo cosa scrive Giulia sul grande fratello"
Guarda, già entrare in quella casa, la dice lunga su quale sia l'intelligenza media, o la deficienza, almeno personalmente mi sono divertita molto a guardare i provini, una cosa da latte alle ginocchia, comunque sia sono d'accordo, a me le bestemmie mi danno fastidio, ma è inutile fare i finti moralismi, le persone bestemmiano, e se quella casa millanta tanto reality, allora potevano pure lasciarcelo quel concorrente lì. Perché anche dire "è irrispettoso contro i fedeli" mi sembra solo una frase buttata lì.