15 aprile 2010

Is anybody there?

Il ministro degli esteri Frattini:
Prego veramente da italiano che non ci sia nessun italiano che abbia direttamente o indirettamente compiuto atti di questo genere. Lo prego davvero di tutto cuore, perche’ sarebbe una vergogna per Italia.
Il ministro della difesa La Russa:
Può sempre succedere di avere accanto, inconsapevolmente, degli infiltrati. Nel passato è accaduto tante volte. E’ successo al Pci con le Br e al Msi con i Nar.
Due riflessioni, rivolte a ciascun ministro:
  • Frattini: ma anziché pregare per scongiurare presunte confessioni rese note da un quotidiano britannico, non poteva attivare i servizi d'intelligence, e nel frattempo tutelare i nostri connazionali attraverso il principio garantista che per altri non si spreca?
  • La Russa: capisco che lo storico-politologo-analologo sia un ruolo molto divertente, ma faccio mie le domande di Franco Venturini sul Corriere di oggi:
    Era stata informata l'Italia dell'incursione dei servizi segreti afghani? Ne sapeva qualcosa 11 comando Isaf? Siamo stati tenuti subito al corrente della presenza dl tmppe inglesi chiamate (lo ha detto ieri Frattini) dopo il rinvenimento di armi e di un piano di allentato (scritto!) all'interno dell'ospedale? Se è così, gli 007 afghani potrebbero aver avuto tutto li tempo di piazzare loro le «prove» contro i tre italiani.
Ecco. Da un governo in una situazione del genere forse mi aspetterei di più di qualche letterina, oltretutto spedita con quattro giorni di ritardo.


3 commenti:

Anonimo ha detto...

«Ti prego, non appaltare più a Fazzone (Pdl), ha perso 15mila voti», dice lui. «No, no, stai tranquillo», risponde lei. «Non ti dimenticare delle mie figlie!», aggiunge in seguito lui. «No, ma stai scherzando?», risponde lei. I signori in questione sono l'uno Vincenzo Zaccheo, sindaco di Latina, l'altra Renata Polverini, neoeletta presidente del Lazio. Ecco, questo è quello che il centro-destra-sinistra chiama politica. Una politica fatta non di programmi e idee, magari qualche idea l'avranno anche ma sia solo per pochi intimi, ma di “segnalazioni”. “Segnalazioni” che, guarda caso, riguardano il più delle volte familiari di politici e/o militanti. Ma possibile mai che questi politici abbiano sempre modo di imbattersi nelle menti più “illuminate”? Conoscendo molte più persone di un semplice cittadino vuoi o non vuoi può capitare, dire voi. La cosa più incredibile è che per trovare queste “menti” non devono far altro che cercare non molto oltre il proprio naso: tesserati o fidati amici. Gente che il più delle volte non ha nemmeno i requisiti minimi per poter lontanamente aspirare a ricoprire quel ruolo. Il tutto mentre ci sono sempre più laureati, ergo persone specializzate, che per tirare avanti quando gli dice bene si vedono costretti ad accontentarsi di un lavoro ben al di sotto delle proprie capacità. Questi sono i veri problemi di quello che un tempo veniva definito il Belpaese
Danilo Spezialetti

Gianluca ha detto...

Si dice che il dubbio sia l'anticamera della verità, se questi sono i "loro" dubbi temo per quella che possa essere la verità...

Fabrizio ha detto...

Buongiorno Giulia,

Frattini è aria fritta vivente.

Già lo ha dimostrato con i viaggi d'affari di Berlusconi in Russia, tutt'ora poco chiari.

In un paese decoroso, un ministro degli esteri che agisce così, veniva massacrato dai mass media.

Fabrizio