20 aprile 2010

Mondo B.

Come descriveresti il mondo in cui viviamo:
È un mondo che quando parla di legalità ha in mente Borsellino e non la tempistica del processo Mills. È un mondo che se parla di giovani, e scuola, e precari, non si accontenta di dire "abbiamo fatto la rivoluzione del merito" perché sa che non è vero, che l'Italia è uno dei paesi più immobili d'Europa e che se non si rimette in moto l'ascensore sociale ci perderemo per strada una generazione intera. È un mondo che è cresciuto nel più assoluto rispetto dell'unità nazionale e trova difficile inghiottire i rospi di certe provocazioni leghiste.
Non e' quel comunistaccio di Bersani a dirlo, ne' quell'antipiduista di Di Pietro.
E' Flavia Perina, parlamentare del Pdl.
A questo punto c'e' da chiedersi di quale Pdl.


3 commenti:

Fabrizio ha detto...

Almeno è finita la storiella che in Italia c'è "la destra" e non "le destre".

Oddio ... questo passa il convento come destre dalle nostre parti.

Ma le parole della Perina, hanno seppellito due anni di legislatura degli effetti speciali per il popppolo (una volta era le ggggente)... e gli effetti concreti per Lui e le lobby.

L'Esorciccio ha detto...

Scommettiamo che sparisce?

cantine ha detto...

hanno votato le peggio leggi salvaladri e adesso si svegliano 'sti buzzurri .. quando il berlusconismo ci farà affondare ancora di più nei debiti e nella corruzione e tutto finirà, loro non potranno atteggiarsi con una verginità che non hanno.. pensano di essere diversi perchè non votano la caccia libera???
Non dovevano votare lo scudo fiscale e il legittimo impedimento!
E' troppo comodo fingere di essere diversi su temi "etici" o sui massimi sistemi e poi darla vinta al Berlusca quando si parla di "roba" (visto che quello è il vero interesse del loro capo).

non mi fido di loro.
E' anche colpa loro se ci ritroviamo nella classe dirigente dei perfetti cafoni come Bossi e figlio