12 aprile 2010

Roma fa la stupida

Questo è il passaggio pedonale che dalla fermata degli autobus accede a piazza del Popolo (per i non romani: gli archi che vedete sono, appunto, l'entrata alla piazza). Come potete immaginare, è sempre strapieno di gente.

E questo è il marciapiede che bisogna "scavalcare" per poter accedere al passaggio pedonale di cui sopra.
Il marciapiede è di recente costruzione, come potete vedere dalle strisce pedonali in giallo, che segnano, appunto, che i lavori sono ancora in corso.
Si sa come sono le amministrazioni romane: nonostante la modernità, ci tengono a far vedere ai turisti la nostra storia e le nostre tradizioni.
Quindi, anche le barriere architettoniche.
Con buona pace di disabili, mamme con passeggino e ciclisti (la sottoscritta).



5 commenti:

Anonimo ha detto...

non si può circolare sul marciapiedi con la bicicletta.

Giulia Innocenzi ha detto...

Hahaha! E come fa una bicicletta ad attraversare una strada, se non passando da quel marciapiede/passaggio pedonale/passaggio ciclabile?

Matteo ha detto...

Questo è un problema serio, che ai più non interessa ma ci contraddistingue in tutto il mondo.

Gianluca ha detto...

La bici dovrebbe essere accompagnata a mano...strano che in una giunta, riconducibile ad un partito in cui vige il culto dell'immagine, manca proprio la sensibilità che siano proprio queste cose a presentare la cultura o la sensibilità di un popolo.

Sarebbe bello capire quanto le amministrazioni comunali,pur di dire che fanno piste ciclabili, tirino linee gialle...in altri termini, siamo sicuri che basta un alinea gialla per dire che è una pista ciclabile?

Anonimo ha detto...

La bicicletta deve rispettare il codice stradale, non può circolare sui marciapiedi, deve stare in strada.